EVENTI

Percorsi evolutivi

Lug
19
Ven
La Via del Reiki-Dal Tanai Reiki all’ Uchu Reiki @ Yogacademy
Lug 19@8:30 pm–10:30 pm

Il REIKI è principalmente un percorso di crescita personale molto profondo. Grazie al REIKI potrai individuare quali sono le tue reali priorità, metterti in contatto con la tua essenza e ti accorgerai che la visione che hai avuto fino a quel momento della vita sarà cambiata. Tradotto in parole povere: arrivi a una consapevolezza profonda per diventare il maestro di te stesso. Quello del REIKI è un lungo cammino, composto da diversi step: entusiasmanti, dolorosi, gioiosi, profondi, insomma la stessa composizione della Vita. “La VIA del REIKI” è un PERCORSO che inizia con un delicato e profondo lavoro di ascolto del corpo alternando pratiche di respirazione, di meditazione, di centratura e di radicamento. Prosegue con esercizi di trattamento per apprendere l’arte meravigliosa del contatto con l’energia attraverso le mani, il suono e il respiro. Durante questo cammino ciascuno potrà progressivamente innalzare la propria frequenza energetica. Gli insegnanti condurranno l’allievo fino al punto di farlo entrare in risonanza con il Reiki e ad utilizzarlo prima su se stessi e poi sugli altri al fine di innescare i processi di autoguarigione di corpo mente e Spirito. Il percorso La VIA del REIKI è scandito dal raggiungimento di livelli progressivi di formazione e crescita:
SHODEN (1° insegnamento) ti permette di “sentire il tuo corpo”, ascoltare la TUA VIBRAZIONE; e questo è il primo passo per mettersi in contatto con il REI (Energia Universale) e il KI (Energia Individuale).
OKUDEN ZENKI (2° insegnamento) è “l’insegnamento di mezzo”, ovvero il livello mentale: la vibrazione aumenta di frequenza e si ha la possibilità di fare trattamenti ad altre persone prendendosi una grande responsabilità.
OKUDEN KOKI (3° insegnamento) è il livello più spirituale, quello proprio del Maestro. Prima di essere Maestro per gli altri, devi essere Maestro di te stesso …
SHINPIDEN (maestria interiore): dopo tutto questo lavoro (che in realtà non finisce mai), puoi trasmettere alle altre persone la tua conoscenza.
Tra un livello e l’altro proseguiranno gli incontri settimanali ove verranno sperimentate e approfondite tutte le tecniche e le pratiche di passaggio verso i livelli di conoscenza successivi.
Incontri settimanali e Seminari

Gli incontri settimanali sono aperti a tutti, sia ai non reikisti che ai reikisti di tutti i livelli per praticare con costanza e fare un profondo lavoro su di sé in differenti serate .

GLI INCONTRI SETTIMANALI REIKI SONO COSI’ STRUTTURATI:

OGNI GIOVEDI’ alle ore 21 00 la serata è dedicata a chi già sta praticando il percorso specifico de “ LA VIA DEL REIKI “ di acquisizione degli insegnamenti
OGNI VENERDÌ h. 20 30. la serata e’ dedicata alla libera esperienza del Reiki per i neoifiti, e a chi vuole conoscere come accedere al percorso ” la via del Reiki” e accedere alla pratica della via .
Inoltre la scuola rimarrà disponibile con le sale compatibilmente agli orari dei corsi per sperimentazioni , condivisioni ed esercitazioni di ogni genere ,affinchè ,gli insegnamenti e le tecniche siano metabolizzate ed acquisite, nell’’ottica di condivisone e scambio che contraddistingue l’Accademia.

Presso Yogacademy C.so Francia 229 C. Vica Rivoli
Ci saranno periodicamente i seminari del primo, secondo e terzo insegnamento Reiki una volta raggiunto il numero di ore di pratica richieste per accedere.
Per avere ulteriori informazioini 3393987143 Monica Bonello

….. buon viaggio grandi amanti della libertà e fautori dell’abbattimento di ogni dipendenza!

Lug
23
Mar
SAMYAMA: La via della liberazione-Percorso di meditazione @ Yogacademy
Lug 23@9:00 pm–10:30 pm

 

 

Nel nostro camminare nel percorso attraverso l’Aṣṭāṅga Yoga di Patañjali, incontriamo il Samyama, l’insieme dei processi di Dhāranā, Dhyāna e Samādhi (tre fasi di un unico processo continuato).

Patañjali chiama il complesso di queste tre fasi Samyama, “perfetta disciplina” e ci regala delle tecniche che ci consentono di superare gli stati ordinari della coscienza, per realizzare uno stato (samādhi), grazie al quale ottenere la liberazione (mokṣa) dagli schemi che creano sofferenza e interrompere il samsāra (morte-rinascita).

Dhāranā: “La concentrazione rinchiude la coscienza in una singola area.” (YS – III,1)
La mente, intensamente concentrata o assorbita in un oggetto diviene capace di conoscere quell’oggetto in modo speciale.

Dhyāna: “Nell’assorbimento meditativo, l’intero flusso percettivo si allinea all’oggetto”. (YS – III,2)
Con la maturazione della capacità della mente di focalizzarsi su un oggetto e mantenere quest’attenzione, possiamo accedere a questa seconda fase, che Patañjali chiama dhyāna, o “assorbimento meditativo”: chi percepisce, l’oggetto percepito e la percezione stessa si fondono in un unico stato. La mente diventa il suo stesso oggetto di studio.

Samādhi: “Quando soltanto la natura essenziale dell’oggetto risplende, come se questo non avesse forma, allora emerge l’integrazione.” (YS – III,3)
Quando la coscienza perviene alla quiete, tutti gli aspetti della mente ordinaria sono sospesi. Non si ha concettualizzazione, e l’oggetto (di qualsiasi natura) viene conosciuto direttamente, al di là di nome e forma.

Patañjali chiama tutto questo “integrazione, assorbimento”, samādhi.

Prepareremo corpo e mente con una pratica intensa, , ci eserciteremo in una tecnica di concentrazione, ci prenderemo uno spazio per la meditazione e, forse, qualcuno si avvicinerà alla risposta alla “domanda da un milione di dollari”: chi sono io?

Lug
26
Ven
La Via del Reiki-Dal Tanai Reiki all’ Uchu Reiki @ Yogacademy
Lug 26@8:30 pm–10:30 pm

Il REIKI è principalmente un percorso di crescita personale molto profondo. Grazie al REIKI potrai individuare quali sono le tue reali priorità, metterti in contatto con la tua essenza e ti accorgerai che la visione che hai avuto fino a quel momento della vita sarà cambiata. Tradotto in parole povere: arrivi a una consapevolezza profonda per diventare il maestro di te stesso. Quello del REIKI è un lungo cammino, composto da diversi step: entusiasmanti, dolorosi, gioiosi, profondi, insomma la stessa composizione della Vita. “La VIA del REIKI” è un PERCORSO che inizia con un delicato e profondo lavoro di ascolto del corpo alternando pratiche di respirazione, di meditazione, di centratura e di radicamento. Prosegue con esercizi di trattamento per apprendere l’arte meravigliosa del contatto con l’energia attraverso le mani, il suono e il respiro. Durante questo cammino ciascuno potrà progressivamente innalzare la propria frequenza energetica. Gli insegnanti condurranno l’allievo fino al punto di farlo entrare in risonanza con il Reiki e ad utilizzarlo prima su se stessi e poi sugli altri al fine di innescare i processi di autoguarigione di corpo mente e Spirito. Il percorso La VIA del REIKI è scandito dal raggiungimento di livelli progressivi di formazione e crescita:
SHODEN (1° insegnamento) ti permette di “sentire il tuo corpo”, ascoltare la TUA VIBRAZIONE; e questo è il primo passo per mettersi in contatto con il REI (Energia Universale) e il KI (Energia Individuale).
OKUDEN ZENKI (2° insegnamento) è “l’insegnamento di mezzo”, ovvero il livello mentale: la vibrazione aumenta di frequenza e si ha la possibilità di fare trattamenti ad altre persone prendendosi una grande responsabilità.
OKUDEN KOKI (3° insegnamento) è il livello più spirituale, quello proprio del Maestro. Prima di essere Maestro per gli altri, devi essere Maestro di te stesso …
SHINPIDEN (maestria interiore): dopo tutto questo lavoro (che in realtà non finisce mai), puoi trasmettere alle altre persone la tua conoscenza.
Tra un livello e l’altro proseguiranno gli incontri settimanali ove verranno sperimentate e approfondite tutte le tecniche e le pratiche di passaggio verso i livelli di conoscenza successivi.
Incontri settimanali e Seminari

Gli incontri settimanali sono aperti a tutti, sia ai non reikisti che ai reikisti di tutti i livelli per praticare con costanza e fare un profondo lavoro su di sé in differenti serate .

GLI INCONTRI SETTIMANALI REIKI SONO COSI’ STRUTTURATI:

OGNI GIOVEDI’ alle ore 21 00 la serata è dedicata a chi già sta praticando il percorso specifico de “ LA VIA DEL REIKI “ di acquisizione degli insegnamenti
OGNI VENERDÌ h. 20 30. la serata e’ dedicata alla libera esperienza del Reiki per i neoifiti, e a chi vuole conoscere come accedere al percorso ” la via del Reiki” e accedere alla pratica della via .
Inoltre la scuola rimarrà disponibile con le sale compatibilmente agli orari dei corsi per sperimentazioni , condivisioni ed esercitazioni di ogni genere ,affinchè ,gli insegnamenti e le tecniche siano metabolizzate ed acquisite, nell’’ottica di condivisone e scambio che contraddistingue l’Accademia.

Presso Yogacademy C.so Francia 229 C. Vica Rivoli
Ci saranno periodicamente i seminari del primo, secondo e terzo insegnamento Reiki una volta raggiunto il numero di ore di pratica richieste per accedere.
Per avere ulteriori informazioini 3393987143 Monica Bonello

….. buon viaggio grandi amanti della libertà e fautori dell’abbattimento di ogni dipendenza!

Lug
30
Mar
SAMYAMA: La via della liberazione-Percorso di meditazione @ Yogacademy
Lug 30@9:00 pm–10:30 pm

 

 

Nel nostro camminare nel percorso attraverso l’Aṣṭāṅga Yoga di Patañjali, incontriamo il Samyama, l’insieme dei processi di Dhāranā, Dhyāna e Samādhi (tre fasi di un unico processo continuato).

Patañjali chiama il complesso di queste tre fasi Samyama, “perfetta disciplina” e ci regala delle tecniche che ci consentono di superare gli stati ordinari della coscienza, per realizzare uno stato (samādhi), grazie al quale ottenere la liberazione (mokṣa) dagli schemi che creano sofferenza e interrompere il samsāra (morte-rinascita).

Dhāranā: “La concentrazione rinchiude la coscienza in una singola area.” (YS – III,1)
La mente, intensamente concentrata o assorbita in un oggetto diviene capace di conoscere quell’oggetto in modo speciale.

Dhyāna: “Nell’assorbimento meditativo, l’intero flusso percettivo si allinea all’oggetto”. (YS – III,2)
Con la maturazione della capacità della mente di focalizzarsi su un oggetto e mantenere quest’attenzione, possiamo accedere a questa seconda fase, che Patañjali chiama dhyāna, o “assorbimento meditativo”: chi percepisce, l’oggetto percepito e la percezione stessa si fondono in un unico stato. La mente diventa il suo stesso oggetto di studio.

Samādhi: “Quando soltanto la natura essenziale dell’oggetto risplende, come se questo non avesse forma, allora emerge l’integrazione.” (YS – III,3)
Quando la coscienza perviene alla quiete, tutti gli aspetti della mente ordinaria sono sospesi. Non si ha concettualizzazione, e l’oggetto (di qualsiasi natura) viene conosciuto direttamente, al di là di nome e forma.

Patañjali chiama tutto questo “integrazione, assorbimento”, samādhi.

Prepareremo corpo e mente con una pratica intensa, , ci eserciteremo in una tecnica di concentrazione, ci prenderemo uno spazio per la meditazione e, forse, qualcuno si avvicinerà alla risposta alla “domanda da un milione di dollari”: chi sono io?

Ago
2
Ven
La Via del Reiki-Dal Tanai Reiki all’ Uchu Reiki @ Yogacademy
Ago 2@8:30 pm–10:30 pm

Il REIKI è principalmente un percorso di crescita personale molto profondo. Grazie al REIKI potrai individuare quali sono le tue reali priorità, metterti in contatto con la tua essenza e ti accorgerai che la visione che hai avuto fino a quel momento della vita sarà cambiata. Tradotto in parole povere: arrivi a una consapevolezza profonda per diventare il maestro di te stesso. Quello del REIKI è un lungo cammino, composto da diversi step: entusiasmanti, dolorosi, gioiosi, profondi, insomma la stessa composizione della Vita. “La VIA del REIKI” è un PERCORSO che inizia con un delicato e profondo lavoro di ascolto del corpo alternando pratiche di respirazione, di meditazione, di centratura e di radicamento. Prosegue con esercizi di trattamento per apprendere l’arte meravigliosa del contatto con l’energia attraverso le mani, il suono e il respiro. Durante questo cammino ciascuno potrà progressivamente innalzare la propria frequenza energetica. Gli insegnanti condurranno l’allievo fino al punto di farlo entrare in risonanza con il Reiki e ad utilizzarlo prima su se stessi e poi sugli altri al fine di innescare i processi di autoguarigione di corpo mente e Spirito. Il percorso La VIA del REIKI è scandito dal raggiungimento di livelli progressivi di formazione e crescita:
SHODEN (1° insegnamento) ti permette di “sentire il tuo corpo”, ascoltare la TUA VIBRAZIONE; e questo è il primo passo per mettersi in contatto con il REI (Energia Universale) e il KI (Energia Individuale).
OKUDEN ZENKI (2° insegnamento) è “l’insegnamento di mezzo”, ovvero il livello mentale: la vibrazione aumenta di frequenza e si ha la possibilità di fare trattamenti ad altre persone prendendosi una grande responsabilità.
OKUDEN KOKI (3° insegnamento) è il livello più spirituale, quello proprio del Maestro. Prima di essere Maestro per gli altri, devi essere Maestro di te stesso …
SHINPIDEN (maestria interiore): dopo tutto questo lavoro (che in realtà non finisce mai), puoi trasmettere alle altre persone la tua conoscenza.
Tra un livello e l’altro proseguiranno gli incontri settimanali ove verranno sperimentate e approfondite tutte le tecniche e le pratiche di passaggio verso i livelli di conoscenza successivi.
Incontri settimanali e Seminari

Gli incontri settimanali sono aperti a tutti, sia ai non reikisti che ai reikisti di tutti i livelli per praticare con costanza e fare un profondo lavoro su di sé in differenti serate .

GLI INCONTRI SETTIMANALI REIKI SONO COSI’ STRUTTURATI:

OGNI GIOVEDI’ alle ore 21 00 la serata è dedicata a chi già sta praticando il percorso specifico de “ LA VIA DEL REIKI “ di acquisizione degli insegnamenti
OGNI VENERDÌ h. 20 30. la serata e’ dedicata alla libera esperienza del Reiki per i neoifiti, e a chi vuole conoscere come accedere al percorso ” la via del Reiki” e accedere alla pratica della via .
Inoltre la scuola rimarrà disponibile con le sale compatibilmente agli orari dei corsi per sperimentazioni , condivisioni ed esercitazioni di ogni genere ,affinchè ,gli insegnamenti e le tecniche siano metabolizzate ed acquisite, nell’’ottica di condivisone e scambio che contraddistingue l’Accademia.

Presso Yogacademy C.so Francia 229 C. Vica Rivoli
Ci saranno periodicamente i seminari del primo, secondo e terzo insegnamento Reiki una volta raggiunto il numero di ore di pratica richieste per accedere.
Per avere ulteriori informazioini 3393987143 Monica Bonello

….. buon viaggio grandi amanti della libertà e fautori dell’abbattimento di ogni dipendenza!

Ago
6
Mar
SAMYAMA: La via della liberazione-Percorso di meditazione @ Yogacademy
Ago 6@9:00 pm–10:30 pm

 

 

Nel nostro camminare nel percorso attraverso l’Aṣṭāṅga Yoga di Patañjali, incontriamo il Samyama, l’insieme dei processi di Dhāranā, Dhyāna e Samādhi (tre fasi di un unico processo continuato).

Patañjali chiama il complesso di queste tre fasi Samyama, “perfetta disciplina” e ci regala delle tecniche che ci consentono di superare gli stati ordinari della coscienza, per realizzare uno stato (samādhi), grazie al quale ottenere la liberazione (mokṣa) dagli schemi che creano sofferenza e interrompere il samsāra (morte-rinascita).

Dhāranā: “La concentrazione rinchiude la coscienza in una singola area.” (YS – III,1)
La mente, intensamente concentrata o assorbita in un oggetto diviene capace di conoscere quell’oggetto in modo speciale.

Dhyāna: “Nell’assorbimento meditativo, l’intero flusso percettivo si allinea all’oggetto”. (YS – III,2)
Con la maturazione della capacità della mente di focalizzarsi su un oggetto e mantenere quest’attenzione, possiamo accedere a questa seconda fase, che Patañjali chiama dhyāna, o “assorbimento meditativo”: chi percepisce, l’oggetto percepito e la percezione stessa si fondono in un unico stato. La mente diventa il suo stesso oggetto di studio.

Samādhi: “Quando soltanto la natura essenziale dell’oggetto risplende, come se questo non avesse forma, allora emerge l’integrazione.” (YS – III,3)
Quando la coscienza perviene alla quiete, tutti gli aspetti della mente ordinaria sono sospesi. Non si ha concettualizzazione, e l’oggetto (di qualsiasi natura) viene conosciuto direttamente, al di là di nome e forma.

Patañjali chiama tutto questo “integrazione, assorbimento”, samādhi.

Prepareremo corpo e mente con una pratica intensa, , ci eserciteremo in una tecnica di concentrazione, ci prenderemo uno spazio per la meditazione e, forse, qualcuno si avvicinerà alla risposta alla “domanda da un milione di dollari”: chi sono io?

Ago
9
Ven
La Via del Reiki-Dal Tanai Reiki all’ Uchu Reiki @ Yogacademy
Ago 9@8:30 pm–10:30 pm

Il REIKI è principalmente un percorso di crescita personale molto profondo. Grazie al REIKI potrai individuare quali sono le tue reali priorità, metterti in contatto con la tua essenza e ti accorgerai che la visione che hai avuto fino a quel momento della vita sarà cambiata. Tradotto in parole povere: arrivi a una consapevolezza profonda per diventare il maestro di te stesso. Quello del REIKI è un lungo cammino, composto da diversi step: entusiasmanti, dolorosi, gioiosi, profondi, insomma la stessa composizione della Vita. “La VIA del REIKI” è un PERCORSO che inizia con un delicato e profondo lavoro di ascolto del corpo alternando pratiche di respirazione, di meditazione, di centratura e di radicamento. Prosegue con esercizi di trattamento per apprendere l’arte meravigliosa del contatto con l’energia attraverso le mani, il suono e il respiro. Durante questo cammino ciascuno potrà progressivamente innalzare la propria frequenza energetica. Gli insegnanti condurranno l’allievo fino al punto di farlo entrare in risonanza con il Reiki e ad utilizzarlo prima su se stessi e poi sugli altri al fine di innescare i processi di autoguarigione di corpo mente e Spirito. Il percorso La VIA del REIKI è scandito dal raggiungimento di livelli progressivi di formazione e crescita:
SHODEN (1° insegnamento) ti permette di “sentire il tuo corpo”, ascoltare la TUA VIBRAZIONE; e questo è il primo passo per mettersi in contatto con il REI (Energia Universale) e il KI (Energia Individuale).
OKUDEN ZENKI (2° insegnamento) è “l’insegnamento di mezzo”, ovvero il livello mentale: la vibrazione aumenta di frequenza e si ha la possibilità di fare trattamenti ad altre persone prendendosi una grande responsabilità.
OKUDEN KOKI (3° insegnamento) è il livello più spirituale, quello proprio del Maestro. Prima di essere Maestro per gli altri, devi essere Maestro di te stesso …
SHINPIDEN (maestria interiore): dopo tutto questo lavoro (che in realtà non finisce mai), puoi trasmettere alle altre persone la tua conoscenza.
Tra un livello e l’altro proseguiranno gli incontri settimanali ove verranno sperimentate e approfondite tutte le tecniche e le pratiche di passaggio verso i livelli di conoscenza successivi.
Incontri settimanali e Seminari

Gli incontri settimanali sono aperti a tutti, sia ai non reikisti che ai reikisti di tutti i livelli per praticare con costanza e fare un profondo lavoro su di sé in differenti serate .

GLI INCONTRI SETTIMANALI REIKI SONO COSI’ STRUTTURATI:

OGNI GIOVEDI’ alle ore 21 00 la serata è dedicata a chi già sta praticando il percorso specifico de “ LA VIA DEL REIKI “ di acquisizione degli insegnamenti
OGNI VENERDÌ h. 20 30. la serata e’ dedicata alla libera esperienza del Reiki per i neoifiti, e a chi vuole conoscere come accedere al percorso ” la via del Reiki” e accedere alla pratica della via .
Inoltre la scuola rimarrà disponibile con le sale compatibilmente agli orari dei corsi per sperimentazioni , condivisioni ed esercitazioni di ogni genere ,affinchè ,gli insegnamenti e le tecniche siano metabolizzate ed acquisite, nell’’ottica di condivisone e scambio che contraddistingue l’Accademia.

Presso Yogacademy C.so Francia 229 C. Vica Rivoli
Ci saranno periodicamente i seminari del primo, secondo e terzo insegnamento Reiki una volta raggiunto il numero di ore di pratica richieste per accedere.
Per avere ulteriori informazioini 3393987143 Monica Bonello

….. buon viaggio grandi amanti della libertà e fautori dell’abbattimento di ogni dipendenza!

Ago
13
Mar
SAMYAMA: La via della liberazione-Percorso di meditazione @ Yogacademy
Ago 13@9:00 pm–10:30 pm

 

 

Nel nostro camminare nel percorso attraverso l’Aṣṭāṅga Yoga di Patañjali, incontriamo il Samyama, l’insieme dei processi di Dhāranā, Dhyāna e Samādhi (tre fasi di un unico processo continuato).

Patañjali chiama il complesso di queste tre fasi Samyama, “perfetta disciplina” e ci regala delle tecniche che ci consentono di superare gli stati ordinari della coscienza, per realizzare uno stato (samādhi), grazie al quale ottenere la liberazione (mokṣa) dagli schemi che creano sofferenza e interrompere il samsāra (morte-rinascita).

Dhāranā: “La concentrazione rinchiude la coscienza in una singola area.” (YS – III,1)
La mente, intensamente concentrata o assorbita in un oggetto diviene capace di conoscere quell’oggetto in modo speciale.

Dhyāna: “Nell’assorbimento meditativo, l’intero flusso percettivo si allinea all’oggetto”. (YS – III,2)
Con la maturazione della capacità della mente di focalizzarsi su un oggetto e mantenere quest’attenzione, possiamo accedere a questa seconda fase, che Patañjali chiama dhyāna, o “assorbimento meditativo”: chi percepisce, l’oggetto percepito e la percezione stessa si fondono in un unico stato. La mente diventa il suo stesso oggetto di studio.

Samādhi: “Quando soltanto la natura essenziale dell’oggetto risplende, come se questo non avesse forma, allora emerge l’integrazione.” (YS – III,3)
Quando la coscienza perviene alla quiete, tutti gli aspetti della mente ordinaria sono sospesi. Non si ha concettualizzazione, e l’oggetto (di qualsiasi natura) viene conosciuto direttamente, al di là di nome e forma.

Patañjali chiama tutto questo “integrazione, assorbimento”, samādhi.

Prepareremo corpo e mente con una pratica intensa, , ci eserciteremo in una tecnica di concentrazione, ci prenderemo uno spazio per la meditazione e, forse, qualcuno si avvicinerà alla risposta alla “domanda da un milione di dollari”: chi sono io?

Ago
16
Ven
La Via del Reiki-Dal Tanai Reiki all’ Uchu Reiki @ Yogacademy
Ago 16@8:30 pm–10:30 pm

Il REIKI è principalmente un percorso di crescita personale molto profondo. Grazie al REIKI potrai individuare quali sono le tue reali priorità, metterti in contatto con la tua essenza e ti accorgerai che la visione che hai avuto fino a quel momento della vita sarà cambiata. Tradotto in parole povere: arrivi a una consapevolezza profonda per diventare il maestro di te stesso. Quello del REIKI è un lungo cammino, composto da diversi step: entusiasmanti, dolorosi, gioiosi, profondi, insomma la stessa composizione della Vita. “La VIA del REIKI” è un PERCORSO che inizia con un delicato e profondo lavoro di ascolto del corpo alternando pratiche di respirazione, di meditazione, di centratura e di radicamento. Prosegue con esercizi di trattamento per apprendere l’arte meravigliosa del contatto con l’energia attraverso le mani, il suono e il respiro. Durante questo cammino ciascuno potrà progressivamente innalzare la propria frequenza energetica. Gli insegnanti condurranno l’allievo fino al punto di farlo entrare in risonanza con il Reiki e ad utilizzarlo prima su se stessi e poi sugli altri al fine di innescare i processi di autoguarigione di corpo mente e Spirito. Il percorso La VIA del REIKI è scandito dal raggiungimento di livelli progressivi di formazione e crescita:
SHODEN (1° insegnamento) ti permette di “sentire il tuo corpo”, ascoltare la TUA VIBRAZIONE; e questo è il primo passo per mettersi in contatto con il REI (Energia Universale) e il KI (Energia Individuale).
OKUDEN ZENKI (2° insegnamento) è “l’insegnamento di mezzo”, ovvero il livello mentale: la vibrazione aumenta di frequenza e si ha la possibilità di fare trattamenti ad altre persone prendendosi una grande responsabilità.
OKUDEN KOKI (3° insegnamento) è il livello più spirituale, quello proprio del Maestro. Prima di essere Maestro per gli altri, devi essere Maestro di te stesso …
SHINPIDEN (maestria interiore): dopo tutto questo lavoro (che in realtà non finisce mai), puoi trasmettere alle altre persone la tua conoscenza.
Tra un livello e l’altro proseguiranno gli incontri settimanali ove verranno sperimentate e approfondite tutte le tecniche e le pratiche di passaggio verso i livelli di conoscenza successivi.
Incontri settimanali e Seminari

Gli incontri settimanali sono aperti a tutti, sia ai non reikisti che ai reikisti di tutti i livelli per praticare con costanza e fare un profondo lavoro su di sé in differenti serate .

GLI INCONTRI SETTIMANALI REIKI SONO COSI’ STRUTTURATI:

OGNI GIOVEDI’ alle ore 21 00 la serata è dedicata a chi già sta praticando il percorso specifico de “ LA VIA DEL REIKI “ di acquisizione degli insegnamenti
OGNI VENERDÌ h. 20 30. la serata e’ dedicata alla libera esperienza del Reiki per i neoifiti, e a chi vuole conoscere come accedere al percorso ” la via del Reiki” e accedere alla pratica della via .
Inoltre la scuola rimarrà disponibile con le sale compatibilmente agli orari dei corsi per sperimentazioni , condivisioni ed esercitazioni di ogni genere ,affinchè ,gli insegnamenti e le tecniche siano metabolizzate ed acquisite, nell’’ottica di condivisone e scambio che contraddistingue l’Accademia.

Presso Yogacademy C.so Francia 229 C. Vica Rivoli
Ci saranno periodicamente i seminari del primo, secondo e terzo insegnamento Reiki una volta raggiunto il numero di ore di pratica richieste per accedere.
Per avere ulteriori informazioini 3393987143 Monica Bonello

….. buon viaggio grandi amanti della libertà e fautori dell’abbattimento di ogni dipendenza!

Ago
20
Mar
SAMYAMA: La via della liberazione-Percorso di meditazione @ Yogacademy
Ago 20@9:00 pm–10:30 pm

 

 

Nel nostro camminare nel percorso attraverso l’Aṣṭāṅga Yoga di Patañjali, incontriamo il Samyama, l’insieme dei processi di Dhāranā, Dhyāna e Samādhi (tre fasi di un unico processo continuato).

Patañjali chiama il complesso di queste tre fasi Samyama, “perfetta disciplina” e ci regala delle tecniche che ci consentono di superare gli stati ordinari della coscienza, per realizzare uno stato (samādhi), grazie al quale ottenere la liberazione (mokṣa) dagli schemi che creano sofferenza e interrompere il samsāra (morte-rinascita).

Dhāranā: “La concentrazione rinchiude la coscienza in una singola area.” (YS – III,1)
La mente, intensamente concentrata o assorbita in un oggetto diviene capace di conoscere quell’oggetto in modo speciale.

Dhyāna: “Nell’assorbimento meditativo, l’intero flusso percettivo si allinea all’oggetto”. (YS – III,2)
Con la maturazione della capacità della mente di focalizzarsi su un oggetto e mantenere quest’attenzione, possiamo accedere a questa seconda fase, che Patañjali chiama dhyāna, o “assorbimento meditativo”: chi percepisce, l’oggetto percepito e la percezione stessa si fondono in un unico stato. La mente diventa il suo stesso oggetto di studio.

Samādhi: “Quando soltanto la natura essenziale dell’oggetto risplende, come se questo non avesse forma, allora emerge l’integrazione.” (YS – III,3)
Quando la coscienza perviene alla quiete, tutti gli aspetti della mente ordinaria sono sospesi. Non si ha concettualizzazione, e l’oggetto (di qualsiasi natura) viene conosciuto direttamente, al di là di nome e forma.

Patañjali chiama tutto questo “integrazione, assorbimento”, samādhi.

Prepareremo corpo e mente con una pratica intensa, , ci eserciteremo in una tecnica di concentrazione, ci prenderemo uno spazio per la meditazione e, forse, qualcuno si avvicinerà alla risposta alla “domanda da un milione di dollari”: chi sono io?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi